Chi è nato e cresciuto nella città eterna sa che “pizza bianca e mortazza” rappresenta il vero e proprio fulcro della cultura gastronomica romana.

Noi abbiamo voluto omaggiare la regina dello street food capitolino con una rivisitazione tutta gourmet.

Partiamo da una base bianca (un impasto realizzato con lievito madre che la rende digeribile e leggera) stendiamo poi una morbidissima crema a base di ceci di Navelli, e per completare la nostra Vento D’Autunno adagiamo una fetta di golosissima mortadella Dotta Villani.

La Dotta è una mortadella ottenuta da carni pregiate di suini allevati esclusivamente in Italia.  È prodotta con metodi tradizionali, la lunga e lentissima cottura le conferiscono infatti un’aroma ed un profumo eccezionali.

I ceci di Navelli, un presidio slow food, sono catalogati tra i ceci più piccoli al mondo. Coltivati sulla piana di Navelli, ai piedi del Gran Sasso, in Abruzzo, vengono sgranati rigorosamente a mano e si contraddistinguono per un ottimo sapore oltre che per un notevole apporto nutritivo.

Noi li lessiamo, e dopo averli conditi con olio evo e rosmarino, prepariamo una delicatissima crema da abbinare alla Dotta.

Una spolverata di pistacchi di Bronte infine colora e dona croccantezza.